Get Adobe Flash player
Home L'Intervista "Trovata l'idea, sposata la causa": tre giovani umbri investono tutto nel centro storico di Perugia
Condividi

"Trovata l'idea, sposata la causa": tre giovani umbri investono tutto nel centro storico di Perugia

L'Intervista

In un momento di crisi economica come quello che vive la società odierna c'è qualcuno che decide di "sfidare" questo status: sebbene il centro storico sembri perdere ultimamente colonne salde e storiche tra le fila dei commercianti, tre giovani, due eugubini e un perugino, decidono di investire le loro risorse nell'apertura di una nuova attività. A Porta Pesa, Alberto Minciaroni, Federica Pierotti e Michele Piergentili hanno infatti da poco aperto le porte al piccolo gioiello "Luxer", esercizio che si occupa di tartufo, "re della npstra cucina tipica tradizionale - ci spiegano i tre umbri -. Importante per noi sottolineare che acquistiamo il prodotto esclusivamente dai cercatori della zona, garantendo così freschezza, qualità e certezza della provenienza. Insieme al tartufo fresco e conservato produciamo inoltre specialità gastronomiche genuine che realizziamo con cura secondo la tradizione".  

Come mai la vostra scelta è caduta proprio su Perugia? 
"A Gubbio ci sono varie attività del genere aperte e il mercato della città conta già su circa 3000 cavatori. Spesso dunque i cittadini stessi provvedono da soli alla ricerca e al consumo del tartufo. Qui a Perugia il mercato è un po' più libero e proprio per questo abbiamo pensato di investire nel capoluogo umbro".
Ci è voluto molto tempo per allestire l'esercizio? 
"L'idea è nata solo sei mesi fa e dopo circa tre mesi siamo riusciti a lasciare il nostro vecchio ambito lavorativo - due di loro erano nel campo dei videogiochi" -ed abbiamo aperto. Creato il progetto ci siamo subito appassionati all'idea e non abbiamo perso tempo in chiacchiere inutili". 
Com'è stato inserirsi nella zona dei "Rivivi il Borgo Sant'Antonio"?
"Ci sentiamo "parte integrante del territorio", siamo coinvolti nelle varie manifestazioni di rivitalizzazione del centro storico che vengono promosse in questa zona. Su questa scia, tra l'altro, abbiamo in programma lo sviluppo di un progetto che prevede la realizzazione di una serie di eventi enogastronomici sia per privati che per i cittadini. L'intento non è solo quello di pubblicizzare il prodotto, ma di "utilizzarlo" quale mezzo per promuovere 
momenti di aggregazione sociale coinvolgendo anche le realtà culturali. Siamo felici che il "Borgo" ci abbia accolti come fossimo sempre vissuti e cresciuti qui e per quanto ci riguarda, sentendoci così "adottai", continueremo a lavorare in sinergia con gli abitanti".
 
 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE