Get Adobe Flash player
Home L'Intervista Caro-libri, per le famiglie umbre una stangata da 800 euro. Ecco i consigli dell'Adoc
Condividi

Caro-libri, per le famiglie umbre una stangata da 800 euro. Ecco i consigli dell'Adoc

L'Intervista

L'inizio della scuola coincide per alcune famiglie ad una mini-stangata sui libri scolatici. Infatti gli alunni, che in Umbria il 12 settembre dovranno tornare tra i banchi per frequentare i primi anni negli istituti secondari e in quelli superiori, dovranno presentarsi con l'intero corredo librario, ed anche volendo, di suppellettili ed accessori, completamente nuovi di pacca. Rispetto alle scuole primarie le materie sono praticamente il triplo e per ciascuna occorre un libro (in alcuni casi anche due o tre), ogni ragazzi ha bisogno anche di uno zaino più capiente per trasportarli ogni giorno, di cancelleria adatta, di diari 'da grandi' e via dicendo. E' una grande spesa che, in tempi di crisi, peserà non poco sulle tasche degli umbri. Come ogni anno la Adoc si tiene informata riguardo al caro-libri, che per l'anno scolastico 2012-2013 ha stimato sarà di 100 euro in più rispetto al passato. “Andando a vedere nel particolare – spiega il Presidente Regionale, Angelo Garofalo – le famiglie dovranno spendere circa 400 euro per i libri di testo che possono arrivare ad 800 con tutti gli accessori. La nostra regione si colloca a metà classifica rispetto alle altre nel territorio nazionale”. Sempre Angelo Garofalo ci racconta di alcune iniziative intraprese da alcune scuole per far risparmiare i propri studenti: “In alcuni Istituti  - prosegue - vengono organizzati mercatini interni di libri usati. Si tratta di iniziative lodevoli per far risparmiare le famiglie. Altre scuole ad esempio, per alcune materie più leggere e semplici come religione o educazione fisica, distribuiscono materiale di studio ed appunti da stampare nei PC”. Insomma con una chiavetta Usb una bella fetta di spesa si potrebbe eliminare. E' questo un pregio delle nuove tecnologie alle quali però non tutti ricorrono. Ecco dunque le dolenti note ed i consigli per l'uso che arrivano direttamente dalla Adoc. “Accade - spiega Garofalo - che molti libri vergano rieditati da un anno all'altro, apportando poche modifiche, cambiando solo la copertina, con una maggiorazione di prezzo. Noi consigliamo ai genitori che si occupano di acquistare i libri di sfogliare bene i testi e di notare se ci sono realmente differenze tra le diverse edizioni. Nel caso contrario ci si può fornire nei mercatini del libro usato che sono diventati numerosi anche in Umbria e sono ottime iniziative. Inoltre le famiglie possono acquistare accessori non griffati ma che hanno la stessa funzionalità”. Ma le istituzioni cosa fanno? “Abbiamo sentito parlare di agevolazioni a livello nazionale – conclude Garofalo – come 'Il Progetto famiglia', ma non ci sono sufficienti informazioni in merito. Riteniamo che ogni iniziativa debba essere comunicata e pubblicizzata. Solo così le famiglie potranno accedere ad aiuti ed agevolazioni. L'informazione in questi casi è fondamentale” 

 

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE