Get Adobe Flash player
Home Libri
Condividi

Recensione di Libri scelti per voi

Strade di Belfast. Ieri la presentazione del libro di Fabio Polese

Libri

Presentato ieri, 29 gennaio, alla Sala della Vaccara di Palazzo dei Priori, a Perugia, Strade di Belfast. Tra muri che parlano e sogni di libertà (Eclettica Edizioni), libro del giornalista perugino Fabio Polese. Nelle pagine del volume il freelance prova a raccontare senza filtri la situazione attuale di una Belfast ancora ribelle. Insieme all'autore erano presenti il Presidente del Consiglio comunale Leonardo Varasano e il giornalista Umberto Maiorca. 

"Se è vero che la situazione si è tranquillizzata – ha detto Polese – in questa terra martoriata da decenni di guerra, il passato è difficile da dimenticare e la voglia di libertà è ancora incisa nel cuore di ogni repubblicano irlandese". 
Il Presidente Varasano ha sottolineato come "gli scontri sono ancora oggi all'ordine del giorno in Irlanda, ma agli occhi del mondo non risulta. Fabio, come un giornalista di altri tempi, è andato sul posto, ha visto, ha toccato con mano e ora, con questo libro, ci racconta una storia diversa, indaga una ferita ancora aperta, un conflitto sociale profondo e irrisolto, di cui poco sappiamo". 
Il fotoreporter, infatti, spiega i giorni infuocati dell'11 e 12 luglio, di ogni anno, quando le parate orangiste provocano la rabbia dei repubblicani e il suo racconto è arricchito da straordinarie foto che parlano della vita quotidiana, degli scontri più accesi e degli immancabili murales identitari delle roccaforti dei nazionalisti irlandesi. Non solo, nel libro, di estrema attualità, ci sono numerose testimonianze ed interviste ad ex militanti dell'IRA. 
Sollecitato dalle numerose domande di Varasano e di Maiorca, ma anche del pubblico, Polese ha spiegato che oggi la via verso l'unità dell'Irlanda è quella della politica e non più della lotta armata. "La violenza non ha più appoggio tra la popolazione - ha precisato - ma non si pensi che sia solo per una scelta di democrazia. Alla base c'è anche un'apatia, un disinteresse diffuso, soprattutto da parte dei giovani, in qualche modo addomesticati dal sistema, con un costo sociale alto in termini di diffusione della droga, dell’alcolismo e della disoccupazione". 
 
Nato in provincia di Perugia nel 1984, Polese ha realizzato reportage, in qualità di giornalista e fotoreporter freelance, non solo in Irlanda del Nord, ma anche in Libano, Kosovo, Belgio, Birmania, Thailandia, Cambogia e Vietnam. I suoi lavori sono usciti nelle maggiori testate nazionali. E' autore di due mostre fotografiche: Kawthoolei, scatti in zone di guerra nella Birmania Orientale e Popoli in lotta. Con Eclettica Edizioni ha già pubblicato il libro inchiesta Le voci del silenzio. Storie di italiani detenuti all'estero. Attualmente, ha in programma un viaggio in altri paesi asiatici, per testimoniare di persona gli scontri etnico-religiosi di cui poco si conosce. 
 

Personaggi e racconti di Narni

Libri

Sarà il Teatro Comunale di Narni ad ospitare, martedì 2 febbraio, alle ore 16, la presentazione di Personaggi e racconti di Narni, libro di Giuseppe Fortunati. L'incontro è promosso in collaborazione con l'Unitre di Narni. 

Il libro è una  raccolta di informazioni su personaggi e storie narnesi che nasce da una serie di ricerche fatte negli ultimi dieci anni dall'autore che ha anche provveduto alla pubblicazione del volume a proprie spese. Fortunati ha preso spunto dai grandi personaggi locali che, in passato, si sono prodigati per valorizzare la storia della città umbra con fatti ed operati quali, ad esempio, tra gli altri, il Marchese Giovanni Eroli, l'ingegner Martinori, Don Gino Cotini, Azelio Onofri. 
Questa piccola raccolta vuol essere un punto di partenza per ulteriori ricerche future da condividere anche in rete. Ogni scheda monografica annessa è frutto di una ricerca bibliografica più estesa, poi sintetizzata e pubblicata, anche settimanalmente, su riviste on line e giornali tradizionali. Al termine di ogni scheda sono presenti dei riferimenti per i lettori che vorranno cimentarsi in approfondimenti.  Personaggi e racconti di Narni era stato infatti inizialmente pensato in qualità di contributo singolo legato ad un fatto o a un personaggio da diffondere nel web. 
 
Lo scrittore si auspica che questo saggio possa stimolare una ulteriore serie di pubblicazioni tematiche che riportino alla luce il glorioso passato della nostra città di Narni.
 
 

Il movimento danzato come pratica umanistica a favore del mondo interiore. Se ne parla da Umbrò

Libri

Al via oggi, 30 gennaio, alle ore 18, presso lo Spazio Umbrò, la presentazione del libro Il Corpo Pensante, La Mente Danzante. Dialogo sul Metodo Hobart® con Claudio Gasparotto. L'incontro, che si inserisce nell'ambito della programmazione artistica di Corpi Uscenti, rassegna di danza contemporanea organizzata dall'Associazione Culturale Dance Gallery/Centro Civico Danza Perugia, diretta da Rita Petrone e Valentina Romito, sarà moderato dallo scrittore Giovanni Pannacci. 

La presentazione del libro sarà preceduta  dalla proiezione del video Il Metodo Hobart® raccontato da Gillian Hobart. Seguirà un dialogo a più voci con una introduzione di Giovanni Pannacci e l’esperienza di Claudio Gasparotto per avviare una conversazione sul potere educativo della danza come occasione di dialogo, circolazione e scambio di idee sulla nostra comune umanità.
Il movimento danzato come un altro modo di fare cultura per sostenere la dignità della persona abile o differentemente abile. 
 
Il libro - Il Corpo Pensante, la Mente Danzante, edito da Guaraldi, è un viaggio nel pensiero di Gillian Hobart, la creatrice del Metodo anti-metodo che propone il movimento danzato come pratica umanistica a favore del mondo interiore, per farne emergere la bellezza. Lorella Barlaam conduce un dialogo a tre voci che ci parla della danza, oggi, come arte aperta a tutti, rivelando l'autenticità del pensiero di una vera Maestra. Nel testo, inoltre,  intervengono tre autorevoli voci a contribuire a questo speciale dialogo: Alessandro Pontremoli (studioso di danza e docente all'Università di Torino, DAMS), Alberto Testa (critico di danza e docente all'Accademia Nazionale di Danza a Roma) e Amedeo Amodio (danzatore e coreografo di chiara fama). 
Il libro racconta la nascita del Metodo Hobart®, una pratica educativa tesa a formare la persona nell'unità mente-corpo e nelle sue innumerevoli possibilità espressive e comunicative. Un lavoro di ricerca fondato sul processo di ascolto, cura, apprezzamento di sé sulla base del potere educativo del movimento danzato. Il Metodo, favorendo l'integrazione con la propria interiorità e con gli altri, contribuisce a creare individui maggiormente attivi, più coscienti e creativi, individui con una migliore immagine di sé. È questa particolarità che lo rende innovativo, vitale e in perfetta sintonia con le urgenze del nostro tempo. 
 
 

Dogalize Educatori. E-book gratuito con consigli per l'amico a 4 zampe

Libri

Si intitola Dogalize Educatori ed è l'ebook gratuito che con consigli pratici e semplici permette di educare e di vivere al meglio le situazioni di tutti i giorni con il proprio cane. 

Il manuale è distribuito gratuitamente sulle piattaforme Amazon e Google Play Libri, oltre che nelle e-librerie Coop, Rizzoli e Feltrinelli. 
Consta di un centinaio di pagine divise in capitoli che affrontano i più frequenti errori e problematiche cui deve far fronte quotidianamente chi possiede un cane: dal gioco alla socializzazione, dal legame cane-bambini al rapporto con gli altri animali. E' stato realizzato in collaborazione con gli educatori che ogni giorno aiutano i membri del social network Dogalize ad affrontare i momenti critici della relazione col proprio animale domestico. 
Il gradimento del pubblico nei confronti dell'e-book è testimoniato, oltre che dal numero di download, anche dalla qualità delle recensioni raccolte.  
Sara Colnago, co-founder di Dogalize dichiara "Siamo molto contenti di questo risultato, e Dogalize Educatori non sarà l’unico prodotto editoriale di quest'anno. Tra qualche mese verrà pubblicato Dogalize Veterinari e abbiamo creato una linea di prodotti editoriali per aiutare, consigliare e formare i nostri utenti e al contempo per sensibilizzare sul tema dei diritti degli animali".  
Dogalize è sempre più il punto di riferimento unico per chi ama gli animali.
Non è solo un social network dove chi ama gli amici a 4 zampe può parlare della propria passione e amore verso il mondo animale e trovare nuovi amici, ma è anche un centro di servizi completamente gratuito grazie al coinvolgimento di Veterinari ed Educatori disponibili via chat, il centro adozioni, la bacheca degli animali scomparsi, le mappe con i locali pet friendly, le offerte e promozioni.
Il tutto senza dimenticare le tante iniziative che settimanalmente vengono lanciate per dare un aiuto ai cani abbandonati e soprattutto un supporto concreto ai tanti volontari e alle Associazioni Animaliste.
"Il piano editoriale degli ebook inizato con Dogalize Educatori – conclude Sara Colnago – rientra in questa visione di centro servizi unico. Una linea di prodotti editoriali gratuito per aiutare, consigliare e formare i nostri utenti. Con il successo ottenuto da questo ebook possiamo dire che gli italiani non sono solo un popolo di santi, poeti e navigatori ma anche di amanti degli animali. Parola di Dogalize". 
 
Dogalize è il pet Social Network più amato in Italia con oltre 250.000 utenti. Un social dove gli utenti non solo condividono le proprie esperienze e la passione per i nostri amici a 4 zampe ma usufruiscono di tanti servizi come i Veterinari e gli Educatori, che sono a disposizione gratuitamente via chat o videocall alle richieste di consiglio e supporto degli utenti. 
Un progetto italiano che si sta affermando in tutto il mondo, come testimoniano i numerosi premi vinti sia a livello internazionale, come ad esempio l'Oscar di Internet "Webby Award 2015 di New York", il "Lovie Award" ( L'Oscar di Internet Europeo) di Londra, finalista al GMIC della Silicon Valley, che italiano, come il premio SMAU e il BIMA Award, oltre al premio "Donna imprenditrice dell'anno 2014" assegnato alla co-founder di Dogalize Sara Colnago. 
Parlano di Dogalize il Corriere della Sera, l'Huffington Post, il The Guardian… una dimostrazione di quanto sia utile agli amanti dei cani e prezioso per i nostri amici a 4 zampe, grazie alle tante iniziative benefiche che coinvolgono enti come ENPA, Gaia Animali e Ambiente, Lega Nazionale per la Difesa del Cane (sez. Milano) e tanti altri.
 

Marco Antonio Bonciari e il suo tempo

Libri

"Pur minato da gravi infermità, tra cui una cecità totale che lo colpì a 35 anni, Marco Antonio Bonciari non consentì ai suoi handicap di limitarlo in quella che era la sua passione: lo studio delle lettere. Una grande lezione per i giovani e gli adulti di oggi a non perdere la speranza". Queste le parole con cui Mons. Paolo Giulietti, Vescovo ausiliario dell'Archidiocesi di Perugia e Città della Pieve, ha commentato la presentazione del volume Marco Antonio Bonciari e il suo tempo scritto da Luciano Taborchi e edito nella collana della Soprintendenza archivistica "Scaffali senza polvere". 

"In un'epoca certamente assai meno attenta e attrezzata della nostra nei confronti dei portatori di handicap – ha spiegato il Vescovo – egli poté diventare tra i massimi letterati e pedagoghi del tempo, pubblicando numerose opere, intrattenendo carteggi con importanti personalità di tutta Europa e insegnando in prestigiose istituzioni culturali: il seminario perugino, nato tra i primi in attuazione del Concilio di Trento per la formazione del clero, il Collegio San Bernardo, destinato all'educazione dei ragazzi di nobile famiglia, e l'Università degli Studi". 
Il libro, scritto a quattrocento anni dalla morte del Bonciari avvenuta il 9 gennaio del 1616, si basa su ricerche effettuate su una parte dei manoscritti del letterato conservati presso la biblioteca Augusta. 
"Un ricco fondo archivistico composto da 45 faldoni contenenti ottomila carte tra lettere e manoscritti: una miniera in gran parte sconosciuta – ha spiegato Mario Squadroni, Soprintendente archivistico dell'Umbria e delle Marche – acquistato, con grande lungimiranza, dai decemviri della città di Perugia il 25 settembre del 1718 direttamente dai discendenti del Bonciari". 
Lo storico e Consigliere delegato alla cultura del comune di Magione, Vanni Ruggeri, nell'evidenziare l'importante ruolo svolto dal Bonciari nel dibattito europeo interno alla Chiesa nell'età della Controriforma, testimoniato dal ricco carteggio con alcune delle figure più eminenti del panorama politico e culturale del tempo, capace di trascendere ogni divisione politica e barriera confessionale in nome dell'ideale universalismo della "Repubblica delle Lettere", ne ha ricordato anche l'interesse per le condizioni del lago Trasimeno. In due lettere tratte dal suo Epistolario, infatti, Bonciari si preoccupa per il cattivo stato dell’emissario braccesco, che una carente manutenzione aveva quasi completamente ostruito causando una rovinosa inondazione nel 1602: fu con ogni probabilità anche merito del suo interessamento presso Francesco Bracciolini, segretario del cardinal Barberini, allora prefetto delle acque, l'imponente intervento di restauro che, di lì a poco, avrebbe realizzato il pontefice Clemente VIII. 
Sul ruolo del Bonciari nel quadro del dibattito apertosi in Europa sulle modalità per mettere in pratica le indicazioni uscite dal Concilio di Trento si è soffermata la funzionaria della biblioteca Augusta, Serena Innamorati. "Le lettere – ha spiegato Innamorati - testimoniano il peso che aveva il pensiero del Bonciari per personalità del calibro di Justus Lipsius, soprattutto sui temi relativi all'educazione del clero e dell'organizzazione scolastica in generale, unendo in un dialogo ideale Perugia e Lovanio. Di particolare interesse, tutto da approfondire, il rapporto con il grande giurista dell'epoca Alberico Gentili". 
La presentazione, aperta con i saluti del Sindaco Giacomo Chiodini, che ha elogiato il lavoro fatto anche come strumento di valorizzazione del borgo di Antria, e di don Stefano Orsini, si è chiusa con un intervento dell'autore in cui ha spiegato le ragioni che lo hanno portato alla pubblicazione. 
"Sono nato ad Antria proprio nella casa che aveva dato i natali allo stesso Bonciari – ha ricordato Luciano Taborchi -. Da bambino anche la presenza della lapide che ne ricorda l'importanza come uomo di lettere non aveva mai suscitato il mio interesse. Solo da adulto ho capito il valore di questo personaggio, ed è nato in me il desiderio di rendere omaggio alle genti del mio territorio, facendo maggiormente conoscere alcuni dei suoi grandi concittadini". 
Dopo la pubblicazione su Marco Antonio Bonciari, la Soprintendenza archivistica dell'Umbria e delle Marche ha annunciato la prossima pubblicazione, sempre nella stessa collana, della biografia del magnate Ferdinando Cesaroni.
 
Marco Antonio Bonciari - Nato ad Antria il 9 febbraio del 1555 da un'umile famiglia, il Bonciari acquistò fama di grande letterato umanista in Italia e in Europa. Mantenne rapporti epistolari con importanti prelati, autorità politiche e letterati del tempo. Parte di questa corrispondenze venne da lui raccolta nell'Epistolarum, opera che fece di lui uno dei più importanti epistolografi dell'epoca. Non lasciò mai il luogo di origine, nonostante venisse chiamato ad insegnare in alcune delle più prestigiose università d'Italia. Insegnò invece a Perugia presso il seminario perugino, nato tra i primi in attuazione del Concilio di Trento per la formazione del clero, il Collegio San Bernardo, destinato all'educazione dei ragazzi di nobile famiglia, e l'Università degli Studi. Morì a Perugia il 9 gennaio del 1616.
 

La notte che Babbo Natale tornò a Roma

Libri

Esce in libreria un nuovo libro edito da Dalia Edizioni: La notte che Babbo Natale tornò a Roma di Roberta Argenti, con illustrazioni di Mila. 

Da quando i bambini comprano i loro regali su internet e non scrivono più letterine, Babbo Natale ha fatto le valigie e se n'è andato a gestire un chiosco di frutta su un'isoletta tropicale. Un giorno i suoi folletti, che sono rimasti ad abitare nella vecchia casa al Polo Nord, in via della Neve 1, dove un tempo c'era anche la fabbrica dei giocattoli, ricevono inaspettatamente una lettera che viene da lontano, dall'Italia, precisamente da Roma. La piccola Margherita, in un vecchio libro dimenticato in soffitta, ha scoperto la storia di Babbo Natale e così ha deciso di scrivergli perché ha un desiderio molto speciale, riuscirà a farlo ritornare? 

 
Roberta Argenti - laureata in Filosofia Estetica, si occupa da più di dieci anni di attività ed eventi legati all'arte e alla didattica. In ambito editoriale, ha curato pubblicazioni a carattere storico e saggistico, raccolte poetiche, racconti e romanzi. Elaborando in chiave personale la sua propensione alla meraviglia, nel 2011 ha pubblicato Prospettive aliene. Carlo Rambaldi e la fantascienza, saggio sul cinema fantastico. Dal 2005 è autrice di libri per ragazzi: I segni ribelli (2005), I Guardiani del Colosseo (2009), La gatta tra i libri (2011), Il Museo Pigorini e i viaggiatori del tempo (2012), in cui al centro della narrazione sono tematiche connesse alla storia, all'arte e alla lettura. Nel dicembre 2015, per Dalia edizioni, è uscita la sua ultima avventura: La notte che Babbo Natale tornò a Roma.
 
Casi Giudiziari
Immagine
Il dipendente perde le staffe? Niente licenziamento

La reazione "forse scomposta" ma "comprensibile" del dipendente che ha subito un provvedimento ingiusto non può dar luogo al licenziamento, in quanto non rompe il vincolo fiduciario con l'azienda. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 27053/2013, respingendo il ricorso dell'Agenzia delle entrate contro un proprio dirigente... Leggi tutto...
L'Indiscreto

Ultimi Video

L'Analisi
Immagine
USL Umbria 1. Campagna di vaccinazione 2016/2017

Riceviamo e pubblichiamo la nota USL Umbria 1 sulla campagna di vaccinazione 2016/2017    Sebbene alcuni sintomi pseudo-influenzali abbiano già costretto a letto alcuni umbri, è nel mese di dicembre che il vero virus dell'influenza epidemica stagionale inizierà a colpire la popolazione con un picco previsto, come al solito... Leggi tutto...
L'Intervista
Immagine
Torna il "Mercoledì Rock", ne parliamo con lo Staff Roghers

Ancora pochi giorni e il prossimo 22 ottobre riprenderà il tanto atteso appuntamento con il "Mercoledì Rock" del 100dieci Cafè di Perugia, promosso dallo Staff Roghers. Un evento fisso settimanale che, nelle scorse edizioni, ha registrato un continuo sold out. Ne parliamo con due degli organizzatori, Luca Rovito e... Leggi tutto...

Contatta la Redazione

* Tutti i campi sono obbligatori
1. Nome: *
2. E-mail: *
3. Messaggio: *
 
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video
Diritto e Rovescio
News Libri
Immagine
50 poesie. La presentazione al Teatro di Figura

Al via sabato 29 ottobre lle ore 18 presso il Teatro di Figura di Perugia la presentazione del libro 50 poesie di Nicola Castellini (Bertoni Editore).... Leggi tutto...

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE