Get Adobe Flash player
Home L'Analisi Deteriorano le condizioni di lavoro in Umbria. Ecco tutti i dati
Condividi

Deteriorano le condizioni di lavoro in Umbria. Ecco tutti i dati

L'Analisi

Dopo la pausa di ferragosto riprendiamo la nostra analisi sui dati dell’economia reale dell’Umbria sulla base del dossier della Banca d’Italia. Relativamente ai dati dell’occupazione e della disoccupazione, nella media del 2011 il numero di occupati in regione è aumentato in misura modesta rispetto all’anno precedente (1.600 unità, lo 0,4 % in più rispetto al 2010).

Le condizioni del mercato del lavoro si sono deteriorate in corso d’anno: nell’ultimo trimestre, in particolare, gli occupati sono diminuiti di quasi il 2 % sul corrispondente periodo del 2010. Tra i settori produttivi maggiormente colpiti quello dell’edilizia e delle costruzioni. L’aumento dell’occupazione si è concentrato nella componente femminile (1,5% contro lo 0,3 % per gli uomini).

Secondo i dati dell’Inps, nel 2011 in regione sono state autorizzate circa 19 milioni di ore di Cassa integrazione guadagni (Cig), in lieve calo rispetto all’anno precedente (–3,3 %). Il ricorso alla Cig è aumentato nuovamente nei primi quattro mesi del 2012. Nella media del 2011 le forze di lavoro sono lievemente aumentate (0,3 %) mentre il tasso di attività della popolazione fra i 15 e i 64 anni è calato di mezzo punto percentuale rispetto all’anno precedente attestandosi intorno al 67%.

Il tasso di disoccupazione in Umbria è rimasto su valori prossimi a quelli del 2010 (6,6 % rispetto all’ 8,4 % in Italia). Nella media dei primi 9 mesi del 2011 il tasso di occupazione nella classe di età 15-34 anni è stato pari al 52,7 %, 10 punti percentuali in meno del complesso della popolazione in età lavorativa. Il conseguimento di un titolo di studio superiore incide favorevolmente sulle opportunità lavorative dei giovani. Analizzando il periodo tra il terzo trimestre del 2008 e il secondo trimestre del 2011, il tasso di occupazione nella fascia di età 25-34 anni, pari nel complesso al 67,2 %, saliva al 72,6 % tra i laureati, che rappresentavano quasi un quarto della popolazione nella stessa classe di età.

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE