Get Adobe Flash player
Home L'Analisi Se Atene piange Londra ride
Condividi

Se Atene piange Londra ride

L'Analisi

Orami le conseguenze della crisi economica non ci destano più alcuno stupore ma semmai una semplice curiosità. Anche in questo caso citiamo un aneddoto legato alla crisi in cui la Grecia versa da quasi due anni e il sempre più diffuso timore di una possibile uscita del Paese dall'eurozona all'indomani delle prossime elezioni del 17 giugno, che sta intensificando la corsa dei greci più ricchi o semplicemente benestanti agli investimenti immobiliari all'estero.

Le richieste da parte di cittadini greci di acquistare case o immobili a Londra sono aumentate del 39% rispetto alla media di sei mesi prima delle elezioni. Le fonti affermano che la maggior parte di coloro che vorrebbero investire nella capitale britannica e' interessata esclusivamente ad acquistare immobili o ville per un valore superiore al milione e mezzo di sterline (quasi 1,88 milioni di euro). 

E' facilmente intuibile che buona parte degli oltre due miliardi e mezzo di euro che nelle ultime tre settimane i greci hanno ritirato dai loro conti bancari finirà - o sia già finito - investito in mattoni nei migliori quartieri residenziali della capitale britannica. Anche molti giovani greci hanno cominciato a trasferirsi in gran numero a Londra a causa della mancanza di lavoro in Grecia e di conseguenza, con la loro richiesta di appartamenti, hanno cominciato a far lievitare i prezzi sul mercato degli affitti.

Comunque non ci sono soltanto i greci che stanno cercando casa a Londra: infatti, le richieste di acquisto di immobili a Londra da parte degli spagnoli sono aumentate del 14%, degli italiani del 46% e dei portoghesi addirittura del 153%. 

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE