Get Adobe Flash player
Home L'Analisi Anche al cinema arriva la crisi
Condividi

Anche al cinema arriva la crisi

L'Analisi

Si sa quando un “fenomeno” è sulla bocca di tutti e condiziona la vita non solo dei singoli individui ma di intere comunità, i media, in tutte le loro forme, va da sé che i media ne approfittino. E purtroppo ad oggi l’argomento più “in voga” è rappresentato dalla crisi economica. E allora ecco che direttamente da Holliwood, arrivano film con tanto di superstar sull’argomento. Si intitola "Killing Them Softly" di Andrew Dominik, in concorso oggi in questa 65ma edizione del Festival di Cannes. Un gangster movie, firmato da un regista australiano e accompagnata da una colonna sonora fatta dai notiziari tv che parlano di crisi, ha un'anima politica. Un modo di far vedere la vera faccia dell'America e del capitalismo americano. Proprio come ha detto lo stesso Brad Pitt, che del film è anche produttore: «Questo lavoro racconta l'era moderna, la realtà attuale. Ha molto a che fare con il mondo di oggi. Si ha l'impressione di vedere un film di gangster, ma c'è dentro anche una microstoria del mondo reale». 
«Il film è basato su un libro di circa dieci anni fa (L'art et la manierè di George V. Higgins) - spiega il regista - ma mi sono reso subito conto che era attuale con la crisi economica attuale, con i giochi di potere, con il capitalismo e con il fatto che tutti, pure a Hollywood, sono preoccupati e interessati solo al denaro. Insomma ho capito che era una storia molto contemporanea». 
A prescindere dal fatto che il film sia bello o no, visto lo sfondo tematico economico trattato, speriamo non ne facciano una serie televisiva….

 

 

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE