Get Adobe Flash player
Home L'Analisi La sindrome da alienazione postindustriale nella società del cambiamutamento
Condividi

La sindrome da alienazione postindustriale nella società del cambiamutamento

L'Analisi

Ancora per gran parte delle persone è difficile rendersi conto che per l'umanità è iniziata da pochi anni una rivoluzione epocale, cioè un'epoca di cambiamenti così radicali e profondi che l'uomo nei prossimi trenta anni compirà più evoluzioni nel suo modo di vivere di quelle avvenute dalla sua comparsa sulla Terra ai giorni nostri; e la circostanza è tanto più clamorosa se si pensa che dall'inizio del '900 ad oggi l'umanità ha già compiuto più progressi che nel corso di tutta la sua precedente esistenza. 
Pertanto ci stiamo lasciando alle spalle la società industriale e stiamo imboccando una nuova epoca: la società post-industriale, detta anche la società del cambiamento. È questa la quarta rivoluzione epocale che abbiamo iniziato a vivere da quando l'uomo è comparso sulla Terra (circa 10 milioni di anni fa). Di questi dieci milioni di anni, nove milioni e novecentomila  sono stati da lui vissuti come semplice fruitore della natura e delle sue risorse. L'uomo è stato in tutti questi milioni di anni raccoglitore delle risorse naturali. Circa diecimila anni fa l'uomo scoprì l'agricoltura, imparando a trasformare i prodotti della terra, influenzando artificialmente i meccanismi naturali. Da raccoglitore è diventato produttore. E siamo alla seconda rivoluzione epocale. Si deve tener conto che l'aratro è stato lo strumento tecnologico fino alla seconda guerra mondiale. La terza è avvenuta (o meglio è iniziata) poco più di un secolo fa, con l'avvento della società industriale, contraddistinta dalle scoperte della fisica, della chimica e dalle fantastiche applicazioni della tecnologia che hanno psicotraumatizzato l'uomo, sconvolgendone il modo di vivere e quindi di percepire se stesso.

L'uomo non ha fatto in tempo a metabolizzare questi traumi, non ha fatto in tempo ad adeguare cervello, ritmi di vita, valori etici a questa nuova realtà. È questa si definisce la quarta rivoluzione epocale, ovvero siamo nella società post-industriale. Alla società post-industriale è stata data il nome di società del cambiamento o anche di società del rischio anche perché la società industriale si avvia alla fine. La società post-industriale o del cambiamento è infatti contrassegnata da una straordinaria rivoluzione scientifica e tecnologica che riguarda le aree più disparate, dalla produzione all'organizzazione, ai servizi, alla cultura, alla medicina, al tempo libero, all'etica dei comportamenti sociali e individuali. Dal complesso microelettronica-informatica-cibernetica-automazione-telecomunicazioni-sensori-attuatori, accompagnato dalle biotecnologie, sta scaturendo un nuovo sistema basato su un numero impressionante di fatti e avvenimenti nuovi che rendono superato ciò che era accaduto il giorno prima; per cui tutto è rimesso continuamente in discussione, perché alle nuove soluzioni se ne sovrappongono altre più efficienti e più efficaci e altre ancora che nascono dalle aree di indagine più disparate e dall'incontro delle esperienze. Tutto questo rende la società del cambiamento un sistema talmente complesso che il fatto fondamentale non è più la produzione, ormai delegata alle macchine, “ma è diventato e diventerà la organizzazione di questa società”. Per la prima volta nella storia dell'uomo, non è più la raccolta e la produzione dei beni ad assorbire la maggior parte della forza lavoro “produttivo” con la conseguente alienazione del vecchio sistema industriale, basato su ambizioni di sfruttamento, utilizzo e trasformazione delle risorse naturali.
Nella società del cambiamento gran parte dei suoi componenti “umani” sarà impegnata nel tenere insieme, organizzare e collegare le varie parti della società stessa a partire dalla cellula sociale .più importante la famiglia. Famiglia e società del cambiamento dovranno gestire la grande mobilità fisica e sociale, l'organizzazione dei servizi, l'organizzazione del consenso interno ed esterno in cui i sistemi di governo dovranno essere basati sulla partecipazione e l'integrazione dei rapporti socio-economici.

 

 

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE