Get Adobe Flash player
Home L'Analisi Umbria, in aumento i reati commessi dai minori
Condividi

Umbria, in aumento i reati commessi dai minori

L'Analisi

C'è un fenomeno che emerge dai dati del Tribunale dei Minori di Perugia, quello che vede in aumento i reati commessi da minori. Nell'ultimo anno siano state pronunciate 12 sentenze di impossibilità a procedere, perché l'imputato aveva meno di 14 anni. Un dato che non va sottovalutato perché fornisce la fotografia di un tessuto sociale in divenire, nel quale la devianza riguarda soprattutto le nuove generazioni. 
La Procura della Repubblica, come ha riportato il presidente della Corte di Appello del Tribunale di Perugia, Wladimiro De Nunzio, nella sua relazione in occasione dell'Inaugurazione dell'anno giudiziario, ha registrato 326 procedimenti penali pendenti. I delitti contro il patrimonio rappresentano la maggioranza (145 i furti), spesso commessi da nomadi in appartamenti. Molti i danneggiamenti (47). Lo stesso Presidente ha lanciato l'allarme per l’abbassamento della soglia di età della devianza. Il Tribunale ha pronunciato 12 sentenze di non doversi procedere perché l’imputato non aveva raggiunto i quattordici anni di età. Minori che, nella maggioranza dei casi, vengono coinvolti nell'attività di spaccio di sostanze stupefacenti, come bassa manovalanza. Nel Tribunale per i Minorenni sono aumentate nel 2012 le sopravvenienze civili (passate da 1.392 a 1.451), la complessiva pendenza è sensibilmente diminuita (da 2.209 a 1.964). Le procedure relative ad interventi sulla potestà genitoriale sono in aumento così come quelle in materia di regolamentazione della potestà tra genitori naturali. Sono in aumento le procedure di adozione nazionale ed internazionale. 

 

 

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE