Get Adobe Flash player
Home L'Analisi Finestra crisi: secondo Confindustria economia debole fino a metà 2012
Condividi

Finestra crisi: secondo Confindustria economia debole fino a metà 2012

L'Analisi

Si sa gli analisti si stanno fasciando la testa per capire in che modo e soprattutto per quanto tempo questa ondata di crisi andrà avanti. Secondo gli esperti interni del Centro Studi di Confindustria sembra che la debolezza dell'economia italiana si protrarrà almeno fino a metà 2012. La produzione industriale é calata dello 0,7% in dicembre, del 2,9% nel quarto trimestre e dell'1% nel 2011.E' la stima nell'analisi mensile Congiuntura flash. 
Prosegue, poi, il peggioramento del mercato del lavoro con il tasso di disoccupazione che ha raggiunto l'8,6% a novembre (7,9% in agosto) e nel 2012 rischiano di esserci forti ristrutturazioni nel manifatturiero, specie nei comparti dove é più ampia la distanza dei livelli di attività dai picchi pre crisi, come mezzi di trasporto, tessili, apparecchiature elettriche e legno. 
A fine 2011 è salita al 25% la quota di imprese che si aspettano una riduzione del numero di addetti nei successivi 3 mesi ed è diminuita all'8,1% quella di quante ne prevedono un aumento. «Il deterioramento è in presa diretta con il crollo delle attese sulle condizioni economiche; mentre all'alba della recessione 2008-2009 le imprese erano state più ottimiste sul trattenimento dei lavoratori in azienda. 
La crisi dell'occupazione si riflette negativamente sulla spesa delle famiglie. A dicembre infatti la fiducia dei consumatori è calata ai livelli del novembre 1993 e le previsioni sulla situazione economica della famiglia sono ai minimi dall'ottobre 1992. Le imprese intanto aumentano le scorte e ridimensionano gli investimenti.

 

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE