Get Adobe Flash player
Home L'Analisi Liberalizzazioni: ecco le novità
Condividi

Liberalizzazioni: ecco le novità

L'Analisi

Sempre più prossima a prendere forma reale la riforma che riguarderà le liberalizzazioni e che da ormai diversi giorni sta facendo scalpore e (molte) polemiche tra tutti gli Italiani, specialmente tra le categorie professionali maggiormente “interessate”. Vediamo alcune novità in estrema sintesi:  più farmacie e notai, taxi non più gestiti dall'Authority, separazione tra Snam rete gas ed Eni, abolizione delle tariffe minime riconosciute ai professionisti e una prima, parziale liberalizzazione della rete dei carburanti. Sono i principali capitoli del piano per le liberalizzazioni. Inoltre gli edicolanti potranno fare sconti e nasce una nuova tipologia di società a responsabilità limitata per aiutare i giovani. Per quanto riguarda i taxi,  spetterà all'Autorità delle reti decidere se aumentare il numero di tassisti, "ove ritenuto necessario". Prevista anche la possibilità di rilasciare licenze part-time e di consentire ai titolari di licenza una maggiore flessibilità nella determinazione degli orari di lavoro.  Novità anche per la categoria finora super privilegiata dei notai: le bozze prevedono che la tabella con la quale si determina il numero e la residenza dei notai sia aumentata da subito di 500 posti. Inoltre, il 30 giugno di ogni anno tra 2012 e 2014 sarà bandito "un concorso pubblico per la nomina" di 500 notai. Anche le farmacie saranno interessate da importanti novità:  in particolare, il numero delle autorizzazioni verrà stabilito in modo che vi sia almeno una farmacia ogni 3.000 abitanti, per far sì che nascano 5.000 nuove farmacie rispetto alle 18.000 attuali. Le farmacie potranno svolgere la propria attività ed i servizi medici aggiuntivi anche oltre gli orari ed i turni di apertura, e praticare sconti sui prezzi pagati direttamente da tutti i clienti per i farmaci e prodotti venduti, dandone adeguata comunicazione alla clientela. La nuova bozza mantiene invece inalterate le restrizioni alla vendita dei farmaci di fascia C (non rimborsati dallo Stato) nei supermercati e nelle parafarmacie. 

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE