Get Adobe Flash player
Home L'Analisi Standard & Poor’s non concorda con l’UE
Condividi

Standard & Poor’s non concorda con l’UE

L'Analisi

In merito alla crisi economica Standard & Poor's in una propria nota fa alcuni dichiarazioni in merito alla possibilità che l’Unione Europea immetta nuove regole specifiche per le agenzie di rating. In particolare si legge nella nota che l’agenzia internazionale è favorevole a parte delle proposte comunitarie per la regolamentazione del settore dei rating ma e' contraria a regole che 'danneggeranno i rating come punto di riferimento consistente. E’ giusto infatti che anche nel mercato del rating vi siano dei concorrenti in modo che le dinamiche competitive anche di questo settore rimangano concorrenziali. Ma l'aggiunta di nuove regole che sono differenti da quelle di altri regimi regolamentari danneggeranno i rating come punto di riferimento consistente a livello globale per la valutazione dell’affidabilità creditizia. Inoltre si determineranno diversi problemi tra cui i principali riguarderanno il fatto che gli investitori a livello mondiale avranno meno rating sul debito europeo, di minore qualità. Inoltre ciò potrebbe limitare la capacità delle aziende europee di accedere al mercato obbligazionario necessario per finanziare la crescita e l'occupazione, nel momento in cui il ricorso al finanziamento bancario diventa sempre più difficoltoso. 

 

 

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE