Get Adobe Flash player
Home L'Analisi Le Cattedrali di Narni e la consacrazione di Papa Eugenio III
Condividi

Le Cattedrali di Narni e la consacrazione di Papa Eugenio III

L'Analisi

1145 e 1148 due date importanti per Narni in quanto proprio allora vengono consacrate il Duomo e la Chiesa di Santa Maria Maggiore (ora San Domenico) da papa Eugenio III, accompagnato da San Bernardo. Bernardo di Chiaravalle o Bernard de Clairvaux (Fontaine-lès-Dijon, 1090 – Ville-sous-la-Ferté, 20 agosto 1153) è stato un religioso, abate e teologo francese, fondatore della celebre abbazia di Clairvaux e dell'ordine dei Cistercensi. 
Siamo nel periodo delle grandi Crociate intraprese per riconquistare Gerusalemme e la Terra Santa. I Templari nel 1119, sotto la guida di Ugo di Payns, feudatario della Champagne e parente di San Bernardo da Chiaravalle, fondarono un nuovo ordine monastico-militare: l'Ordine dei Cavalieri del Tempio, con sede in Gerusalemme, nella spianata ove sorgeva il Tempio ebraico. Lo scopo dell'Ordine, posto sotto l'autorità del patriarca di Gerusalemme, era di vigilare sulle strade percorse dai pellegrini cristiani. L'Ordine ottenne nel concilio di Troyes del 1128 l'approvazione di papa Onorio II e sembra che la sua regola sia stata ispirata da Bernardo, il quale scrisse, verso il 1135, l'Elogio della nuova cavalleria. Con l'inizio delle Crociate fu necessario dare una base teologica alla guerra in atto. Per tale fine San Bernardo scrisse il "De laude novae militiae ad Milites Templi". Nel testo il Santo capovolge il V comandamento del "Non uccidere", dando una giustificazione cattolica all'uccisione dei non credenti, creando la categoria del "malicidio": l'uccisione del male, cioè omicidio di un non credente, da non considerarsi peccato. Nel 1145 sale al pontificato il suo discepolo Bernardo dei Paganelli (Eugenio III). Il 15 febbraio 1145, a Roma, nel convento di san Cesario, sul Palatino, il conclave eleggeva nuovo papa Eugenio III, abate del convento romano dei Ss Vincenzo e Anastasio; il nuovo Papa, Bernardo Paganelli conosceva bene Bernardo, per averlo incontrato nel concilio di Pisa del 1135 e per essersi ordinato cistercense proprio a Chiaravalle nel 1138. Proprio in tale anno (1145) il 27 Febbraio, papa Eugenio III passò  da Narni, lasciando Roma divenuta per lui insicura. A Narni  Il Pontefice consacrò la Chiesa di San Giovenale e concesse indulgenze a chi nell'anniversario avesse visitato quella chiesa. Il papa e San Bernardo vanno a predicare in Francia e le loro parole suscitarono tanto entusiasmo durante l'assemblea dei fedeli che San Bernardo venne ripetutamente interrotto dal grido: "Dio lo vuole, Dio lo vuole!". Nel mese di aprile 1148 Luigi VII di Francia ed i suoi Crociati arrivarono a Gerusalemme. L'arrivo suscitò il più grande entusiasmo: gli abitanti della Città Santa, i Principi ed i prelati gli andarono incontro portando nelle mani dei rami d'ulivo e cantando le parole: "Benedetto colui che viene nel nome del Signore".
 Nel giugno 1148, cita il Martinori nelle sue Cronache (pag 94-95), Papa Eugenio III tornò  in Italia dalla Francia e si recò a Viterbo, contro cui i romani avevano intrapreso spedizioni guerresche, per assoggettarla alla repubblica. Il Papa passò da Narni e vi si trattenne per qualche giorno, accompagnato dai cardinali, da un forte presidio di truppe francesi e da San Bernardo Abate di Chiaravalle. Il Pontefice consacrò la Chiesa di Santa Maria Maggiore  che per lungo tempo era stata la cattedrale di Narni. In tal modo, le cattedrali di Narni vennero consacrate e negli annali della Cattedrale vengono riportati tali avvenimenti.
 
 
 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE