Get Adobe Flash player
Home L'Analisi Fuori da Confapi: nasce PMI
Condividi

Fuori da Confapi: nasce PMI

L'Analisi

Qualcuno l’ha definita “svolta epocale” e sicuramente rappresenta un importante elemento di novità: si tratta della fuoriuscita di alcuni associati da Confapi Perugia e la costituzione in Associazione piccole e medie imprese dell’Umbria. Il nuovo organismo ha eletto quale presidente, Mario Brustenga. Un processo di riorganizzazione che sta coinvolgendo anche altre regioni italiane. L’associazione conta già 2.200 piccole e medie imprese regionali e, a livello nazionale, rappresenta 30mila imprese e 500mila lavoratori.
L’uscita da Confapi è dipesa dalla inadeguatezza del sistema e dalla necessità di riqualificare la rappresentanza datoriale. Chiocci, promotore dell’iniziativa, ha parlato di una “nuova era” per le piccole e medie imprese e ha precisato che Pmi non è un semplice cambio di nome, ma risponde alla volontà di smantellare il vecchio sistema conservativo. Il nuovo soggetto sarà unico. Tra le finalità dell’associazione, attualizzare l’offerta dei servizi in base all’evolversi delle opportunità di business, con particolare riguardo all’internazionalizzazione, sperimentare un nuovo modello di relazioni industriali e rinegoziare con il sistema del credito ruolo, peso e merito delle piccole e medie imprese.

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE